Design napoletano: un esercito di talenti su cui scommettere

Spille in plexiglass di Monica Masséra

Spille in plexiglass di Monica Masséra

Sorpresa sorpresa! Anche a Napoli ci sono i designer, in carne, ossa e prototipi, proprio come “quelli di Milano”. È questo ciò che sento in cuor mio, passeggiando tra le sale del PAN che fino a lunedì 24 novembre ospita I’Mperfect individualità e imperfezioni, una collettiva di 15 creativi campani, ideata e curata da Monica Masséra, architetto e designer.

In mostra Aaido Ma, Bhumi Ceramica, Sergio Catalano, Chiara ScarpittiStudio, Nicola Esposito e Carlo Criscuolo, Esprimo Design, Lu.Ze, Marsia Studioceramiche, Salvo Martorana, Monica Massera, Enza Migliore, Roberto Monte, Guido Palestino, Studio 74ram, ZE123collective. Quindici nomi su cui puntare. Personalità e intenti diversi, ma tutti accomunati da un talento vulcanico, e non solo perché nutrito a pane e Vesuvio. Il dato interessante della mostra, ciò che la rende più che una semplice “fiera” è la scelta di esporre non solo il prodotto di ciascun designer, ma anche il processo creativo e realizzativo alle sue spalle.

Davanti ai nostri occhi si rivelano percorsi di studio, analisi, ricerca, sperimentazione: si delinea la figura del designer vero che, come spiega in una felice definizione la curatrice “è un tecnico che risolve un problema attraverso una visione estetica”.

ceramiche di Mariella Siano

ceramiche di Mariella Siano

Parliamo di un settore non ancora popolare nel Meridione d’Italia “se ne parla poco e male – osserva Monica – eppure il design coinvolge la nostra vita a 360°. C’è grande curiosità ma allo stesso tempo, c’è una comunicazione poco efficace, anche a causa della scarsa presenza delle associazioni di categoria”. Questo primo esperimento è quindi un seme piantato in una terra selvatica e l’idea è ripeterlo annualmente.
Arredo, gioiello contemporaneo, design per l’industria: la varietà e la ricchezza di questa piccola grande mostra sono ossigeno per la città, sono una risorsa da coltivare e rilanciare. Anche per questo domani, sabato 22 novembre, alle 17, nell’ambito della mostra si terrà il convegno “Il design come linguaggio universale. Design campano e mercati internazionali”: saranno presenti anche alcune aziende di successo come Ditronetwork multinazionale campana, Innosensor Spin off dell’Università di Tor Vergata che si occupa della progettazione e commercializzazione di sistemi sensoriali innovativi. Tra gli interventi, oltre alla curatrice, ci saranno Marco Petroni (senior curator Plart-Napoli) e Carla Langella (dipartimento di ingegneria civile, design, edilizia e ambiente della Seconda Università di Napoli).

Nicola Esposito e Carlo Criscuolo per Ditron, multinazionale campana

Nicola Esposito e Carlo Criscuolo per Ditron, multinazionale campana

Roberta del Vaglio

robertadelvaglio@dailyapple.it